TRAGICA MORTE DI UNA FEMMINA DI ORSO MARSICANO E DEI SUOI DUE CUCCIOLI

Avvertito da un escursionista, il Servizio di sorveglianza del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ha provveduto, nella mattinata de 15 novembre 2018, al recupero dei corpi di tre orsi marsicani, una femmina di circa 10 anni, con 2 cuccioli dell’anno, un maschio e una femmina.

I tre orsi sono annegati cadendo in una vasca per la raccolta delle acque piovane situata in località “le fossette” tra i Comuni di Balsorano e Villavallelonga, nella Zona di Protezione esterna del Parco.

Il recupero è avvenuto con l’ausilio di un elicottero dei Carabinieri forestali dato che la località si trova in alta quota ed è raggiungibile solo a piedi.

Nella stessa vasca, nel giugno del 2010, erano finite una femmina adulta di 5-7 anni ed un cucciolo femmina di circa 18 mesi. Anche in questo caso il recupero venne reso possibile grazie alla segnalazione di un escursionista.

Quattro femmine in otto anni, di cui due in età riproduttiva, sono un durissimo colpo alla residua popolazione di orso bruno marsicano.

L’aspetto paradossale sta, in particolare, nella incapacità o indifferenza mostrata dagli enti preposti, che in ben sei anni non sono riusciti a mettere il sito in sicurezza e ad evitare questa seconda tragedia.  Pur se la vasca incriminata si trova al di fuori dei confini del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, nella sua Zona di Protezione Esterna, resta l’amara convinzione che si sarebbero dovute assumere ben altre iniziative atte ad escludere il ripetersi di un simile disastro.

 

 

RSS
Facebook
Facebook
WhatsApp us